Castellanza: addio a 7 platani in Viale Don Minzoni

Riportiamo il comunicato ufficiale di Alberto Ambrosetti, Presidente del Circolo, in merito alla questione dell’abbattimento dei sette platani di Castellanza. Questo episodio ci fa riflettere su un grave problema strettamente collegato: il PGT del Comune di Castellanza e le sue previsioni edificatorie.

Sottolineiamo che tutta Legambiente Valle Olona si augura che l’Amministrazione di Castellanza si impegni a colmare il vuoto che lasceranno questi 7 grandi platani.

Noi continueremo la battaglia contro la cementificazione incessante dei nostri suoli, che toglie spazio alla natura e ci priva anche di questo prezioso verde urbano. Vogliamo difendere il territorio in cui viviamo e imparare a mantenerlo vivo!

In seguito alle giuste segnalazioni pervenute dai cittadini di Castellanza, riteniamo doveroso prendere una posizione in merito a quanto sta accadendo al filare di Platani di Viale Don Minzoni a Castellanza.
Risulta infatti imminente l’abbattimento di n. 7 alberi del sopracitato filare per lasciare spazio al sistema di pozzi perdenti, da realizzare per la dispersione dell’acqua piovana e che, posizionati in prossimità dei Platani, avrebbero causato la perdita di buona parte dell’apparato radicale, con conseguente instabilità e pericolosità delle piante.
A nostro avviso sarebbe stato auspicabile il posizionamento di questi manufatti in altro luogo oppure, in assenza di altri spazi disponibili, prevedendo un differente sistema per disperdere le acque meteoriche.
Ciò posto, a questo punto riteniamo quantomeno doveroso un intervento di compensazione da effettuare nei prossimi mesi con la piantumazione di essenze autoctone in spazi liberi presenti sul territorio comunale.
Tanto premesso, quello che a nostro avviso è il vero problema, senza andare a sottovalutare la perdita di 7 Platani di circa 60 anni di vita, sono le previsioni edificatorie del PGT del Comune di Castellanza.
Questi abbattimenti verranno infatti effettuati all’interno del progetto di costruzione di un nuovo centro commerciale.
Il territorio di Castellanza, già fortemente antropizzato, con una superficie di territorio urbanizzato superiore al 75% della totale superficie comunale, non può permettersi di perdere ulteriore suolo libero a discapito di una cementificazione che si potrebbe quasi definire come “selvaggia”.
In questi mesi la nostra associazione si è impegnata a fondo nella campagna europea People 4 Soil, per avere una Direttiva Europea a tutela del suolo e naturalmente, questi fatti, non possono che confermare l’urgenza di un cambio radicale dell’approccio delle Istituzioni a questo tema.
Non è nostro compito andare a trovare le responsabilità politiche di questo scempio che trova le basi in precedenti atti autorizzativi, ma sicuramente non possiamo che auspicare una inversione di tendenza in queste previsioni edificatorie che riteniamo disastrose.
Il Presidente
Alberto Ambrosetti

Il team
Legambiente Valle Olona

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...